WorldPass - «Tuttofood» e «Food World China» La Regione aiuta le aziende aderenti

Vai al menu principale- Vai ai contenuti della pagina[0] Home[H]

Chi siamo | Contatti | FAQ | Mappa | RSS
LOGIN
Home Page
Facebook





12345
Giovedì, 3 Luglio 2014 NEWS
  
Invia email
«Tuttofood» e «Food World China» La Regione aiuta le aziende aderenti

La Regione Lombardia, nell' ambito del Programma d' azione 2014, in accordo col sistema camerale, ha approvato due interventi a sostegno dell' internazionalizzazione delle imprese. Le iniziative prevedono la selezione e la partecipazione di alcune aziende ad eventi fieristici internazionali quali: «Tuttofood» il 3-6 maggio 2015 (Milano) e «Food Hospitality World China» 11-13 novembre 2014 (Canton). L' obiettivo è di accompagnare le imprese, anche quelle più piccole e poco internazionalizzate ma con un buon potenziale competitivo, verso i mercati esteri. L' aiuto si compone di un pacchetto di servizi che, sfruttando la capacità di attrazione di una grande manifestazione fieristica internazionale, permetta alle imprese beneficiarie di incontrare potenziali clienti esteri e sviluppare nuovi business. I servizi offerti per l' evento in Lombardia saranno: stand preallestito, percorso di formazione propedeutico alla partecipazione alla fiera, incontri d' affari, servizio di consulenza specialistica sulle tematiche dell' internazionalizzazione (contrattualistica, pagamenti, dogane, trasporti). Il controvalore monetario dei servizi offerti corrisponde a 5.750 euro per ciascuna impresa beneficiaria. I servizi offerti per l' iniziativa in Cina saranno: «Export Check Up» iniziale, percorso formativo di conoscenza del mercato cinese, stand collettivo, market visit; servizio di interpretariato, alloggio per 1 persona, assistenza in dogana; due mesi di accompagnamento per il follow up dei contatti cinesi. Le imprese potranno presentare domanda dal 15 settembre al 15 novembre 2014 per la prima fiera e dal 1 luglio al 10 settembre 2014 per la seconda. Le risorse complessive stanziate sono oltre 650mila euro. ? Sara Fusini Consulente politiche del lavoro.